L'approccio di Clear Channel per campagne outdoor
{{ image_alt:).jpg }}

Il nostro approccio

Una company data-driven

Creare un nuovo futuro per il media outdoor significa concepire ogni fase di una campagna outdoor secondo una logica di misurazione. Il nostro approccio ai dati è ciò che ci contraddistingue e ci rende un partner ideale per fare investimenti pubblicitari strutturati ed efficaci.

In questo contesto abbiamo sviluppato un modello che individua 4 ambiti di analisi - dalla pianificazione al post campagna – e ci permette sia di formulare un’offerta coerente con gli obiettivi del cliente sia di fare delle azioni di follow-up sul cliente stesso basate su misurazioni e dati concreti.

{{ image_alt:piramide-1664198670.jpg }}
01  La nostra piramide

Environment: l’osservazione e l'analisi del contesto.

Audience: l’individuo come punto di partenza, dal volume al profilo comportamentale.

Creative Diagnostic: la performance della creatività.

Drive to action: la valutazione sul livello e qualità di risposta dell’individuo al «compito» richiesto dal brand.

02  Ambiti di analisi

{{ image_alt:environment.jpg }}

Environment:

Osservare il contesto ed analizzare l’ambiente diventa fondamentale per un’attivazione di successo. ​ Clear Channel analizza le principali variabili di mobilità, tendenze, eventi e punti di interesse per restituire un quadro di partenza esaustivo e funzionale a una pianificazione mirata.

​Perché il contesto è importante? Perché il pubblico moderno (soprattutto Millennials e GenZ) si accorge della presenza della pubblicità esterna e vi interagisce sempre di più. Secondo una ricerca portata avanti dall’Osservatorio Internet Media del Politecnico, negli ultimi due anni, i giovani hanno sviluppato un crescente interesse verso la pubblicità esterna. Molti ricercano online quanto visto su un manifesto/schermo pubblicitario oppure condividono tramite Smartphone, sui Social o con gli amici una foto di un manifesto/schermo pubblicitario.

{{ image_alt:audience.jpg }}

Audience:

Esaminiamo il nostro pubblico, sia in termini di «volumetria» che in termini di profilazione. Mettiamo al centro l’individuo senza perdere di vista la pressione pubblicitaria​. Tracciamo copertura, frequenza, contatti lordi, GRP (certificati da Audioutdoor) e anche dati comportamentali come interessi di navigazione/App. Abbiamo sviluppato sistemi in-house e collaborazioni con terze parti che ci permettono di utilizzare criteri innovativi ed efficaci per restituire ai clienti un quadro esaustivo ed in linea con le esigenze e gli obiettivi di investimento. 

{{ image_alt:creative-diagnostic.jpg }}

Creative Diagnostic:

Siamo convinti del fatto che la qualità del contenuto creativo e le scelte di pianificazione media concorrono in egual misura a determinare l’efficacia delle campagne pubblicitarie. ​Questo perché Il contesto in cui viviamo l’esperienza di esposizione definisce la nostra predisposizione ad interagire con la pubblicità ed ha quindi un impatto diretto sull’efficacia della campagna stessa.

Adottiamo il metodo KANTAR per offrirvi una lettura del risultato «scientifica» e «superpartes» e per valutare la performance della creatività​ a riprova che il contenuto della campagna riveste un ruolo importante tanto quanto la pianificazione.

Il nostro metodo prevede:

  • L’ Osservazione remota

  • Confronto

  • Analisi

  • Lettura Insights

{{ image_alt:drivetoaction.jpg }}

Drive to action:

I dati ci hanno dimostrato che una campagna OOH è in grado di guidare fisicamente il consumatore ad un punto di interesse, registrarsi su un sito, scaricare un contenuto, acquistare un prodotto. Le nostre campagne OOH vengono misurate attraverso l’analisi di dati mobile, sui quali poi si delineano i comportamenti degli utenti esposti alle creatività​.

  • Misuriamo l’esposizione ad annunci OOH e DOOH monitorando i dati e abbinando gli identificativi pubblicitari degli smartphone con le posizioni geo-precise degli utenti.

  • ​Svolgendo quindi una profilazione basata sui dati degli utenti che hanno fatto visita agli store del cliente, è possibile rilevare quanti tra gli accessi al punto vendita sono stati effettivamente esposti all’annuncio (D)OOH . Inoltre, svolgiamo un confronto con un gruppo di controllo, simile per numerosità, caratteristiche, tempi e luoghi, ma non esposto al messaggio. ​

  • Misuriamo l’impatto della comunicazione sulle vendite di uno specifico prodotto all’interno della GDO (FMCG). Restituendo una valutazione della performance in termini di vendite in confezioni e vendite a valore! ​