2014_Archivio News

Clear Channel, Proud of Sharing.
Record assoluto di BikeMi: oltre 2 milioni di prelievi nel 2014

Clear Channel, Proud of Sharing. Record assoluto di BikeMi: oltre 2 milioni di prelievi nel 2014

Il Bike sharing è una delle tante “evoluzioni” della nuova economia eco-sostenibile, in rapida crescita in tutto il mondo. Fa parte dello sharing esasperato che si sta esprimendo sotto le più disparate spoglie e che ha come movente il risparmio. In Italia, la bicicletta sta prendendo sempre più piede  e la ragione di questo successo è ascrivibile essenzialmente all’aspetto ecologico che essa rappresenta insieme a quello del movimento fisico, non solo  come mezzo di trasporto “pulito” alternativo, ma anche come nuovo modo per vivere la città. Non è più un fenomeno di nicchia e questa è una grande conquista. Nell’arco di una decina d’anni, l’utilizzo della bicicletta in città è aumentato del 35% e oramai il 15% della mobilità urbana corre su due ruote. Basti pensare che in Italia, i ciclisti urbani hanno superato i 5 milioni. E in tempi come questi è il caso di dire che…… la crisi fa proprio pedalare. Gli Italiani pedalano, ma soprattutto i Milanesi, vero è che in un anno gli abbonamenti annuali a BikeMi, servizio di Bike sharing della città meneghina, sono aumentati del 20% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, grazie anche ai servizi efficienti erogati dalla multinazionale  Clear Channel, media company specializzata in comunicazione esterna e titolare di un sistema internazionale di Bike sharing di cui detiene il brevetto, che ne gestisce il servizio dal 2008.

Oramai è passato del tempo dall’inaugurazione di questo servizio. La bicicletta “gialla” è diventata un simbolo della città di Milano, equiparabile quasi al suo Duomo, perché BikeMi è il servizio di Bike sharing più grande d’Italia ed è anche un esempio di efficienza che pone Clear Channel ai primissimi posti al mondo come parametri di qualità, di rendimento, di gradimento e di popolarità.  BikeMi continua a mietere successi e a far segnare numeri da record: ad oggi, solo nell’ultimo anno, le bici gialle sono state prelevate oltre 2 milioni di volte. È un record che va festeggiato, ma non è il solo. Milano conta ad oggi 202 stazioni attive con 3.600 bici in circolazione. Gli abbonati annuali attivi superano i 29.000 e oltre 45.500 sono stati gli abbonamenti giornalieri (+ 14% rispetto al 2013) e settimanali (+ 25 %) sottoscritti negli ultimi dieci mesi.
Sono tutte cifre che, giorno dopo giorno, incrementano. Per dare un dato esemplificativo (solo) nel mese di ottobre 2014, i nuovi abbonamenti annuali sottoscritti sono stati 912. Inoltre, dall’inizio del servizio nel 2008 a ottobre 2014 sono stati quasi 8.000.000 milioni gli utilizzi registrati, con un incremento del 26 % nel confronto tra il 2013 e il 2014. Questi sono i dati che fanno di BikeMi il fiore all’occhiello della mobilità sostenibile di Milano!
Il Bike sharing, oltre a svolgere una funzione di pubblica utilità,  sta raccogliendo sempre più consensi tra gli advertisers, soprattutto quelli che attraverso questo servizio desiderano veicolare messaggi cosiddetti “green” e/o connessi al movimento perché si presta ad essere utilizzato come mezzo pubblicitario in  alternativa ai mezzi classici della comunicazione, senza essere invasivo, rispettando l’ambiente, con un impatto strutturale assai ridotto, ma di grande effetto comunicativo.
Il Bike sharing offre l’opportunità, attraverso le sponsorizzazioni, di brandizzare il cestino e il copriruota di parte o di tutte le bici in servizio nella città di Milano, oltre alla possibilità di decorare, con il sistema «floor graphic», la pavimentazione di una o più stazioni.
Un esempio recente è l’accordo che Clear Channel ha stipulato, ai primi di ottobre, con Radio DEEJAY per la personalizzazione di un centinaio di biciclette BikeMi che sono state utilizzate dai ragazzi della DEEJAY Ten durante la decima edizione milanese della popolare corsa ideata da Linus,  svoltasi il 5 ottobre a Milano. Oltre alla brandizzazione delle bike, un’idea vincente è stata quella di dotare di casse acustiche i ciclisti dello staff DEEJAY Ten che avevano in uso le biciclette di BikeMi. In questo modo, è stato creato un vero e proprio circuito sonoro accompagnando i podisti per tutta la durata della gara a suon di musica  e di spot dell’emittente radiofonica.
I partecipanti della maratona hanno molto apprezzato l’iniziativa perché ha reso la gara podistica ancora più divertente e leggera.

Paolo Dosi, CEO di Clear Channel Italia, così commenta: “Nonostante ci sia nota la duttilità di questo servizio a fini pubblicitari e promozionali, continuano a sorprenderci le innumerevoli opportunità che il Bike sharing offre  per promuovere ogni tipo di iniziativa. Siamo entusiasti di aver contribuito con le nostre biciclette a rendere più esclusiva questa gara e, ancor più, di aver collaborato con Radio DEEJAY con la quale condividiamo la volontà di premiare le idee innovative per un’Italia di domani migliore”.

Leggi tutte le news