2014_Archivio News

Unicef - Comune di Milano e Clear Channel, insieme nella campagna "100% vacciniamoli tutti"

Unicef - Comune di Milano e Clear Channel, insieme nella campagna "100% vacciniamoli tutti"

 

L’appuntamento è stato ieri, martedì 20 maggio, alle ore 17 in piazza Beccaria, per una breve biciclettata con le biciclette BikeMi, che per l’occasione sono state dedicate alla campagna Unicef: su tutte le bici sono stati legati campanellini appositi (2.000 sono stati donati da Clear Channel a Unicef) e il copricestino e il copriruota di 15 biciclette in particolare sono stati rivestiti con la grafica della campagna. Alla pedalata hanno partecipato, oltre a una decina di volontari, l’assessore alla Mobilità Pierfrancesco Maran, la presidente Unicef Milano Fiammetta Casali e il Contracts Management & Development Director di Clear Channel Italia Sergio Verrecchia.

La campagna “100% vacciniamoli tutti” è nata per sostenere otto paesi dove avvengono oltre un quarto di tutte le morti infantili nel mondo: Afghanistan, Angola, Repubblica Democratica del Congo, Ciad, Nigeria, Pakistan, Sud Sudan e Yemen. In questi paesi, circa sei milioni di bambini non sono ancora vaccinati, molti dei quali vivono in zone remote, senza accesso ai servizi sanitari di base a causa di conflitti, povertà, mancanza di un sistema sanitario o tensioni sociali. L’obiettivo della campagna è di sconfiggere la polio ed estendere al 100% dei bambini le vaccinazioni di routine entro il 2017.
Un semplice e metaforico campanello è il simbolo della campagna internazionale dell’Unicef  “100% vacciniamoli tutti”. Un campanello di allarme per una grande mobilitazione – che è partita il  7 maggio – per raccogliere fondi e salvare con un vaccino i bambini che rischiano la vita per malattie prevenibili.

L’Amministratore Delegato di Clear Channel Italia, Paolo Dosi, così commenta la partecipazione dell’Azienda:  “Clear Channel, è da sempre impegnata nella sostenibilità ambientale e nella responsabilità sociale che considera due cardini fondamentali del proprio DNA. Infatti, numerose sono le operazioni di charity condotte in questi anni e altre nuove iniziative solidali sono già in cantiere perché è forte in noi la convinzione che la grandezza di un’azienda si veda anche dai suoi valori e dalla loro applicazione nel quotidiano, che è la vera sfida concreta. È per questo che abbiamo accolto con piacere la proposta di partecipare a questa campagna di sensibilizzazione, sempre più convinti che occuparci delle persone meno fortunate di noi sia un dovere sociale che siamo lieti di onorare attraverso la partecipazione della nostra azienda a questa nobile iniziativa. Un semplice piccolo contributo che aiuta a promuovere una vera cultura della solidarietà”.

Leggi tutte le news